Sembra che non ti sei ancora registrato al portale, oppure non hai effettuato l'accesso. Registrati o loggati.
Riduci colonna


 


Register
Benvenuti nel sito degli studenti della Facotà di Lettere e Filosofia dell'Università "La Sapienza" di Roma. Questo sito, luogo di incontro e informazione per gli studenti, non è il sito ufficiale della facoltà, che è invece raggiungibile all'indirizzo: http://lettere.uniroma1.it/. Intende però dare nuovi strumenti per gli studenti, in una logica di vero e rapido aggiornamento. Cercate informazioni su un modulo, od un professore? Usate la ricerca. Per le domande, è presente l'help. E' molto importante infine registrarsi per usufuire di tutti i servizi.

 Seleziona Linguaggio -


 Menù Principale -


 Links -


 Utenti Online -

25 Visitatori, 0 Utenti


Record odierno di presenze: 51.
Record assoluto di presenze: 571 (13 Dicembre, 2013, 12:20:28)



Sommario

Dottorati Dottorato in Scienze documentarie: richiesta info da Sofia F. 11 Ottobre, 2017, 23:30:35
Regolamenti ed Help Problema registrazione da Gio_22 24 Aprile, 2017, 15:32:38
Sondaggi ACQUISTAR PASSAPORTI FALSI BENE(documento real@outlook.c om)PATENTE DI GUIDA CAR da miletta12 22 Marzo, 2017, 20:44:32
Regolamenti ed Help ACQUISTAR PASSAPORTI FALSI BENE(documento real@outlook.c om)PATENTE DI GUIDA CAR da miletta12 22 Marzo, 2017, 20:41:04
Notizie varie e segnalazione di eventi della Facoltà ACQUISTAR PASSAPORTI FALSI BENE(documento real@outlook.c om)PATENTE DI GUIDA CAR da miletta12 22 Marzo, 2017, 20:37:24


Autore Topic: Egitto: la protesta non si ferma. Domenica 6 febbraio manifestazione a Roma  (Letto 1211 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Purcettina

  • Nuovo membro
  • **
  • Post: 287

02-02-2011---11:30:07 All'indomani del discorso del presidente egiziano Hosni Mubarak, Piazza Tahrir, al Cairo, si prepara al nono giorno di protesta contro il rais. L'Esercito continua a presidiare la piazza simbolo della rivolta egiziana contro Mubarak. Alla popolazione non è piaciuto l'intervento di ieri sera del presidente, che ha assicurato che non si ricandiderà alle elezioni di settembre, restando però al suo posto fino alle consultazioni per gestire in prima persona la transizione. I manifestanti hanno assicurato che resteranno in piazza fin quando Mubarak non abbandonerà il palazzo presidenziale.

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha chiesto intanto al presidente statunitense Barack Obama e a diversi leader occidentali di pretendere dal futuro nuovo governo egiziano il rispetto dell'accordo di pace firmato nel 1979 con Israele. Stando a quanto riferito al quotidiano Haaretz da diversi funzionari israeliani, Netanyahu vorrebbe che la comunità internazionale fissasse una serie di condizioni che la nuova leadership egiziana dovrebbe rispettare per ottenere legittimità agli occhi dell'Occidente attraverso il riconoscimento degli accordi internazionali sottoscritti dal Presidente Hosni Mubarak. "La questione è stata esposta agli americani e a molti altri Paesi - ha detto un alto funzionario a Gerusalemme - non ci opponiamo alla democrazia in Egitto, ma per noi è importante tutelare l'accordo di pace".

Le manifestazioni di protesta in Egitto e Tunisia stanno aprendo “una nuova era” nel mondo arabo: lo ha detto, in una intervista pubblicata ieri dal ‘Wall Street Journal’ il presidente siriano Bashar al Assad, invitando i leader della regione a compiere maggiori riforme “per soddisfare le aspirazioni politiche e economiche dei loro popoli”. Mentre gli occhi di tutta la regione sono puntati sulle evoluzioni della situazione al Cairo e nelle altre piazze egiziane, “l’atmosfera in Siria è tesa. Nei giorni scorsi si sono verificati rallentamenti e interruzioni della rete internet e alcuni siti, soprattutto i social-network sono diventati inaccessibili” riferiscono alcune fonti secondo cui “la paura di una diffusione delle proteste dal Nord Africa al Medioriente preoccupa seriamente le autorità dei paesi della zona”.

Dopo la manifestazione delle centinaia di egiziani radunatisi lunedì pomeriggio a Piazza della Repubblica a Roma per chiedere la "fine della dittatura e delle violenze", ma soprattutto per chiedere a Mubarak di andar via dall'Egitto, si tornerà in piazza anche domenica 6 febbraio: il Movimento Egiziano a Roma e il Comitato Immigrati in Italia hanno indetto una manifestazione alle ore 15:00 con partenza da Piazza della Repubblica a Roma. Parole d’ordine: basta repressione, solidarietà con il popolo egiziano, per un nuovo governo e una nuova Costituzione. "Siamo qui per esprimere solidarietà al popolo egiziano - ha detto lunedì il Presidente della comunità del mondo arabo in Italia Foad Aodi - stiamo seguendo l'evoluzione tragica delle cose in Egitto e ci auguriamo che la questione venga risolta in modo civile senza ancora violenze ne’ vittime". "E' grave che dai partiti e dal governo italiano non ci sia stata nessuna parola su quello che sta accadendo in Egitto”, ha detto un altro manifestante.
Mila Pernice - Radio Città Aperta

Ragazzi mi sono permessa di copiare qui tutto ciò perchè penso che non si parli nè di politica, nè di religione, si parla semplicemente di libertà!  E anche gli Egiziani hanno diritto a questa libertà che stanno cercando di guadagnarsi in tutti i modi...
Uniamo la nostra voce alla loro, tutti DEVONO essere liberi!

Ciao Ospite! Le repliche a questo topic sono state nascoste alla vista. Stai perdendo 13 repliche. Per favore registrati o effettua il login se vuoi vedere le risposte.

Forum degli studenti della Facoltà di Lettere e Filosofia Sapienza - Università di Roma


 

Topics Correlati

  Oggetto / Aperto da Risposte Ultimo post
250 Risposte
3776 Visite
Ultimo post 22 Gennaio, 2008, 00:47:32
da Dante Di Nanni
18 Risposte
1617 Visite
Ultimo post 23 Febbraio, 2008, 19:21:33
da Roberta
81 Risposte
2001 Visite
Ultimo post 19 Giugno, 2008, 16:56:12
da CaesarAnto
2 Risposte
1036 Visite
Ultimo post 17 Giugno, 2008, 19:32:58
da nancy
2 Risposte
913 Visite
Ultimo post 06 Luglio, 2008, 23:42:52
da blue orchid / rockele on fire


Creato da Space of Information Web Studio