Sembra che non ti sei ancora registrato al portale, oppure non hai effettuato l'accesso. Registrati o loggati.
Riduci colonna


 


Register
Benvenuti nel sito degli studenti della Facotà di Lettere e Filosofia dell'Università "La Sapienza" di Roma. Questo sito, luogo di incontro e informazione per gli studenti, non è il sito ufficiale della facoltà, che è invece raggiungibile all'indirizzo: http://lettere.uniroma1.it/. Intende però dare nuovi strumenti per gli studenti, in una logica di vero e rapido aggiornamento. Cercate informazioni su un modulo, od un professore? Usate la ricerca. Per le domande, è presente l'help. E' molto importante infine registrarsi per usufuire di tutti i servizi.

 Seleziona Linguaggio -


 Menù Principale -


 Links -


 Utenti Online -

30 Visitatori, 0 Utenti


Record odierno di presenze: 69.
Record assoluto di presenze: 571 (13 Dicembre, 2013, 12:20:28)



Sommario

Dottorati Dottorato in Scienze documentarie: richiesta info da Sofia F. 11 Ottobre, 2017, 23:30:35
Regolamenti ed Help Problema registrazione da Gio_22 24 Aprile, 2017, 15:32:38
Sondaggi ACQUISTAR PASSAPORTI FALSI BENE(documento real@outlook.c om)PATENTE DI GUIDA CAR da miletta12 22 Marzo, 2017, 20:44:32
Regolamenti ed Help ACQUISTAR PASSAPORTI FALSI BENE(documento real@outlook.c om)PATENTE DI GUIDA CAR da miletta12 22 Marzo, 2017, 20:41:04
Notizie varie e segnalazione di eventi della Facoltà ACQUISTAR PASSAPORTI FALSI BENE(documento real@outlook.c om)PATENTE DI GUIDA CAR da miletta12 22 Marzo, 2017, 20:37:24


Autore Topic: BLOCCO DELLA SESSIONE- email di mia madre ai docenti  (Letto 1836 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline eloisa87

  • Nuovo membro
  • **
  • Post: 1
BLOCCO DELLA SESSIONE- email di mia madre ai docenti
« il: 26 Giugno, 2010, 16:38:39 »

Questa mail è stata inviata da mia mamma solo ad alcuni docenti, non potendo avere i contatti di tutti.
Mi dispiace ma provo un pò di vergogna e quindi eviterò di rientrare nel forum a leggere i vostri commenti.
Volevo comunque che la leggessero tutti, e non solo i professori.
Non abbiate pena di me.
A voi la lettura:

Gentilissimo/a docente,
spero che lei voglia dedicarmi qualche minuto di attenzione leggendo queste mie parole, che vengono dal profondo del cuore.
Non mi presento con nome e cognome, perchè non credo che serva a qualcosa fornire i dati del mio codice fiscale per far
giungere il mio messaggio a voi docenti, anche se ormai su questo mondo siamo diventati tutti numeri, e abbiamo perso la
dignità che ogni uomo/donna ha diritto e dovere di avere.
Sono la madre di uno dei tanti studenti che in questi giorni ha "subìto" un blocco, non alla sessione degli esami, ma ai  propri progetti.
Spero che il mio esempio di madre DISPERATA possa smuovere in voi una voglia di collaborare con gli studenti e non contro.
Qualcuno di voi mi potrebbe essere padre/madre, o fratello/sorella, però non so se ci sia qualcuno che si possa riconoscere
in una storia come la mia.
Ho 39 annni, avevo tanti sogni da ragazzina, avrei voluto studiare come tanti dei miei amici, ma la mancanza di soldi, e la
mentalità "arretrata" della mia famiglia, non mi hanno permesso di farlo, e ho fermato i miei studi alla terza media. I
miei sogni si sono infranti, non potrò mai più essere un dottore, avere un degno stipendio, e ad oggi faccio uno dei lavori
più duri e pesanti per una donna, senza stipendio fisso, con la speranza che la crisi non mi tolga anche quel poco che io e
mio marito guadagnamo, perchè quei pochi soldi li dobbiamo alla banca per il mutuo(altrimenti si prende la casa), e allo
stesso tempo dobbiamo farli bastare anche per i nostri 2 figli.
La crisi che sta attraversando il paese sta colpendo tutti, soprattutto ,e mi dovete permettere di dirlo, i meno abbienti.
Il governo con i suoi scellerati tagli a tutti i campi, dalla sanità, all'istruzione e via dicendo, sta mandando in rovina
molte persone, altre ce le ha già mandate.
Mia figlia ( e non è la sola in questa situazione), ha desiderato di studiare, di affermarsi; lei, come tanti altri
ragazzi, ha dei sogni, e per realizzarli ci sta mettendo tutte le proprie forze. Io non ho potuto realizzare i miei di
sogni, ma non voglio impedire ad una così volenterosa ragazza, di portare avanti i propri. E allora abbiamo deciso di
affrontare ulterioni spese, pur di mantenerla all'università. Lei ci ha aiutato, impegnandosi per prendere la borsa di
studio, così da gravare il meno possibile sulla famiglia, anche perchè lei sa bene che tutti i costi, senza la borsa di
studio, non li potremmo mai sostenere.
La Laziodisu passa agli studenti meritevoli 4500 circa all'anno, il che significa che la somma non ricopre nemmeno il costo
totale dell'affitto annuo. Inutile dirvi che le spese sono a parte, gli studenti devono mangiare, comprare i
libri, adeguarsi ad internet e pagare acqua, luce, gas, riscaldamento e condominio.
Con il blocco di cui si è parlato in questi giorni, molti studenti rischiano di perdere la borsa di studio, poichè gli
esami utili al fine di raggiungere i crediti richiesti, vanno tenuti entro il 10 agosto 2010.
Non credo che io debba continuare dicendovi che cosa succede se si perde la borsa di studio.
La vostra protesta è giustissima, ma credo che in questo modo da vittime stiate, scusate, diventando "carnefici".
Anche gli studenti, insieme alle proprie famiglie, subiscono già da se i tagli del governo, ma ora stanno però subendo un
altro taglio, alle borse di studio.
Però mia figlia mi ha anche spiegato che ci sono studenti che si devono laureare a dicembre e rischiano di non poterlo
fare, insieme ad altri che andranno fuori corso, e allora le famiglie dovranno pagare altre tasse, altri affitti, altre
spese.
Non so se sia servito a qualcosa umiliarmi presentandomi la mia vita, della quale probabilmente non ve ne importa nulla.
Però mi auguro che si sia mossa un pò di commozione verso quei ragazzi, non dico tutti, ma almeno verso quelli volenterosi.
Andate incontro ai ragazzi, ho visto su internet gli interventi che alcuni docenti hanno fatto all'assemblea dei ragazzi il
24, e qualcuno ha sostenuto che questa protesta è anche per salvaguardare il futuro a loro. NON E' VERO, così viene
rovinato 2 volte il loro futuro.
Si è parlato di "esamucci", si è detto che i ragazzi non hanno capito quale sia il senso dell'università e vogliano solo
fare i propri "esamucci" al più presto. E' normale che vogliano fare i propri esami, ne hanno anche 15 all'anno, e se non
li fanno perdono la borsa di studio e vanno fuori corso, e quindi devono pagare altre tasse. Chiunque abbia un' anima e non
sia milionario se ne preoccupa.
Gentile docente, mi perdoni se Le ho tolto tempo prezioso, ma se è arrivato a leggere fino alla fine La devo ringraziare
1000 volte.
Il mio non è un pianto, una lagna compassionevole, è solo voglia di farvi capire che la vostra protesta non è innocua, è
disastrosa per centinaia e centinaia di famiglie.
Mi perdoni se Le ho scritto ma sentivo che lo dovevo fare per mia figlia, per i suoi compagni, e per tutte le mamme
preoccupate.

Distinti Saluti

UNA MAMMA DISPERATA



PS: avrei voluto raggiungere attraverso questa mail tutti i docenti di Lettere e Filosofia, ma gli unici contatti che ho
trovato sono i vostri.
Non vi sentiate importunati da questo messaggio, non ve ne invierò altri.

Ciao Ospite! Le repliche a questo topic sono state nascoste alla vista. Stai perdendo 9 repliche. Per favore registrati o effettua il login se vuoi vedere le risposte.

Forum degli studenti della Facoltà di Lettere e Filosofia Sapienza - Università di Roma

BLOCCO DELLA SESSIONE- email di mia madre ai docenti
« il: 26 Giugno, 2010, 16:38:39 »

 

Topics Correlati

  Oggetto / Aperto da Risposte Ultimo post
13 Risposte
1143 Visite
Ultimo post 09 Novembre, 2007, 10:15:13
da Zefiro
2 Risposte
1026 Visite
Ultimo post 13 Settembre, 2009, 21:16:46
da naimazoi
7 Risposte
1241 Visite
Ultimo post 01 Marzo, 2010, 20:53:18
da chepalle
1465 Risposte
32899 Visite
Ultimo post 23 Febbraio, 2011, 17:59:53
da Blizzardbeast
3 Risposte
17239 Visite
Ultimo post 06 Luglio, 2010, 23:17:53
da _luix_


Creato da Space of Information Web Studio