Sembra che non ti sei ancora registrato al portale, oppure non hai effettuato l'accesso. Registrati o loggati.
Riduci colonna


 


Register
Benvenuti nel sito degli studenti della Facotà di Lettere e Filosofia dell'Università "La Sapienza" di Roma. Questo sito, luogo di incontro e informazione per gli studenti, non è il sito ufficiale della facoltà, che è invece raggiungibile all'indirizzo: http://lettere.uniroma1.it/. Intende però dare nuovi strumenti per gli studenti, in una logica di vero e rapido aggiornamento. Cercate informazioni su un modulo, od un professore? Usate la ricerca. Per le domande, è presente l'help. E' molto importante infine registrarsi per usufuire di tutti i servizi.

 Seleziona Linguaggio -


 Menù Principale -


 Links -


 Utenti Online -

38 Visitatori, 0 Utenti


Record odierno di presenze: 42.
Record assoluto di presenze: 571 (13 Dicembre, 2013, 12:20:28)



Sommario

Dottorati Dottorato in Scienze documentarie: richiesta info da Sofia F. 11 Ottobre, 2017, 23:30:35
Regolamenti ed Help Problema registrazione da Gio_22 24 Aprile, 2017, 15:32:38
Sondaggi ACQUISTAR PASSAPORTI FALSI BENE(documento real@outlook.c om)PATENTE DI GUIDA CAR da miletta12 22 Marzo, 2017, 20:44:32
Regolamenti ed Help ACQUISTAR PASSAPORTI FALSI BENE(documento real@outlook.c om)PATENTE DI GUIDA CAR da miletta12 22 Marzo, 2017, 20:41:04
Notizie varie e segnalazione di eventi della Facoltà ACQUISTAR PASSAPORTI FALSI BENE(documento real@outlook.c om)PATENTE DI GUIDA CAR da miletta12 22 Marzo, 2017, 20:37:24


Autore Topic: articoli e documenti  (Letto 1284 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline ka

  • Nuovo membro
  • **
  • Post: 14
articoli e documenti
« il: 15 Dicembre, 2008, 21:43:15 »

armando gnisci

L’Onda08 per il nostro sapere

Impariamo nel presente e nella presenza che prende parte al nostro proprio tempo: solo in questo modo, noi persone umane dedite al sapere e alla sua educazione possiamo accedere al sapere di sapere. Questo modo di conoscere è legato anche alla funzione di insegnare il sapere critico del quale siamo portatori e diffusori nelle università e nel mondo, per quanto esso possa ascoltarci. Il nostro mondo è formato insieme agli studenti che imparano conoscendo con noi, formando un mondo di tutti-conoscenti-insieme. Questa è la forma dell’università, e dove e quando essa manca – in Italia quasi del tutto e peggio che altrove – ognuno di noi deve coltivare l’utopia concreta del restauro delle presenze e della ribellione contro la degenerazione.
   Questo pensiero ho imparato a 22 anni, al termine del mio corso universitario di filosofia nel 1968. Anno in cui sono nato alla ragione del mio tempo e ho intravisto la via che avrei dovuto seguire. Una via di ascesi e solitudine, di apartheid, che mi ha portato ad essere presente nel nostro tempo fino ad ora. Non mi sento un superstite o un reduce, ma un persistente antagonista che, ogni volta che l’università si è ribellata attraverso i suoi giovani in questi 40 anni, si è trovato insieme, sulla stessa onda. E che per ogni lunga risacca di anni interstiziali ha continuato ad avanzare sulla via che ho chiamato della “decolonizzazione europea”, mettendomi subito a fianco della rivoluzione migrante che è apparsa a tutti in Italia all’inizio degli anni 90 del secolo scorso, quando i migranti si manifestarono protagonisti della storia, cominciando a scrivere e pubblicare storie e poesie nella lingua italiana.
Il Movimento dell’Onda del 2008 mi ha trovato pronto, anche se bloccato da impedimenti del mio fisico, nello spirito e mi ha portato a pensare che questa Onda08, stesse segnando la definizione giusta del senso del cammino della rivoluzione giovanile iniziata dal Movimento68. In questo senso di definitorietà ho riconosciuto anche che per me essa era anche l’ultima onda.

Quali sono i termini della definizione di senso che i giovani dell’Onda08 mi hanno portato a pensare, nel corso del mio cammino complice del sapere di sapere? Credo che sia  bene a questo punto dire qualosa su questa formula critica apparentemente semplice ma non chiara. Essa, sapere di sapere, rappresenta il destino del sapere oggi, quella che chiamiamo modernità. Montaigne l’ha definita, acquisendo nel sapere del suo tempo il senso di un sapere che sa di essere definitivamente nuovo e cioè, propriamente moderno, in quanto la modernità europea del pensiero nasce dal nuovo, non riproponendo la rifioritura dell’antico, come fa il Ri-nascimento, ma, all’opposto, assumendo la differenza, la perdita e il lutto proprio dall’ e dell’ormai-antico, nell’ora moderna: nell’ora di ora. È proprio Montaigne ad affrontare, con il suo fluido pensiero che procede come un corso ben temperato e che arriva a chiedersi insistentemente – è questa la sua tempera –, il senso del nuovo che si è aperto e che va interrogato propriamente per quello che fa: ex novo. La domanda di Montaigne si chiede: Que sais-je? Il domandare rappresenta la richiesta che si esplicita non nel senso antico-socratico, ma storicamente: che cosa so, io che vivo e so ai tempi del nuovo mondo? Che cosa sta avvenendo ora e da ora avverrà nel sapere? e, quindi, che so di sapere?
Il sapere di sapere oggi è diventata la dimensione stessa del pensiero scientifico e di quello critico, ma allo stesso tempo, il sapere è stato ridotto a dettagliata specializzazione dentro un cumulo sfigurato di conoscenze acquisite o in fieri, per le quali basta un aggiornamento professinale. Il sapere di sapere, invece, costituisce l’interrogazione costante sulla conoscenza di ogni tempo specifico (4 generazioni conviventi) attraverso la domanda di senso. Da Montaigne a oggi questa domanda è passata attraverso la pratica filosofica e la letteratura fino ad incontrarsi con la scienza più vasta e progressiva, quella fisica-cosmologica, dal cui seno è sorto il pensiero del “principio antropico”, che rappresenta la prima vera risposta cosmica e costitutiva della nuova scienza. Una risposta definitoria al principio dell’indefinito, che viene da molto lontano, addirittura dal principio stesso del sapere, formulato da Anassimandro nel VI secolo avanti la nostra era.

Ciao Ospite! Le repliche a questo topic sono state nascoste alla vista. Stai perdendo 3 repliche. Per favore registrati o effettua il login se vuoi vedere le risposte.

Forum degli studenti della Facoltà di Lettere e Filosofia Sapienza - Università di Roma

articoli e documenti
« il: 15 Dicembre, 2008, 21:43:15 »

 

Topics Correlati

  Oggetto / Aperto da Risposte Ultimo post
5 Risposte
1181 Visite
Ultimo post 16 Gennaio, 2008, 23:05:31
da rinoa
0 Risposte
825 Visite
Ultimo post 17 Febbraio, 2009, 04:12:33
da Lama.Dalai
75 Risposte
4146 Visite
Ultimo post 02 Maggio, 2012, 09:58:06
da _Giulia_
6 Risposte
592 Visite
Ultimo post 29 Ottobre, 2009, 15:15:37
da Gargy
0 Risposte
472 Visite
Ultimo post 19 Settembre, 2012, 09:49:04
da Mino


Creato da Space of Information Web Studio