Forum degli studenti della Facoltà di Lettere e Filosofia Sapienza - Università di Roma

La Facoltà => Proposte => Topic aperto da: Didonezombie - 21 Giugno, 2009, 13:07:26

Titolo: Dal sito de "L'espresso" l'iniziativa:cosa non funziona nella tua Università?
Inserito da: Didonezombie - 21 Giugno, 2009, 13:07:26
Proposte e proteste: la parola agli studenti
di Letizia Gabaglio

Cosa c'è che non funziona nella vostra università? La laurea che avete conseguito è stata utile per trovare un lavoro? E che tipo di rapporto avete o avete avuto con il vostro ateneo? Inviate le vostre proteste e le vostre proposte: "L'espresso" le girerà poi ai rettori, ai docenti e alle autorità responsabili

Gli esami di maturità sono alle porte. E per i giovani che usciranno dalle aule dei licei e degli istituti professionali è tempo di pensare all'iscrizione all'università. Quale facoltà scegliere, in quale ateneo? Meglio studiare solo tre anni e poi giocarsi subito le proprie carte nel mercato del lavoro, o investire in una laurea specialistica? In tempi di crisi il fattore “lavoro” diventa quasi prioritario per chi si affaccia al mondo dell'università.
Per questo L'espresso ha deciso di valutare, sulla base delle rilevazioni condotte dai consorzi Almalaurea e Cilea, il potenziale delle università italiane di trovare un'occupazione ai propri laureati. I risultati dell'inchiesta vanno letti tenendo presente il contesto in cui si trova l'ateneo, se esiste un tessuto produttivo – aziende, amministrazioni – pronto ad assorbire le professionalità; le sue dimensioni: in generale è più semplice che una piccola università riesca a 'piazzare' i suoi studenti anche se magari l'offerta didattica non è eccellente; il tipo di studi che si sceglie: i corsi altamente professionalizzanti danno buone probabilità di trovare lavoro, quelli generalisti – per esempio quegli umanisti o giuridici – obbligano la gran parte degli studenti a continuare la formazione anche dopo la laurea.

La fotografia scattata della realtà universitaria italiana non è priva di sorprese: atenei considerati fino a pochi anni fa “minori” o “periferici” ottengono punteggi di tutto rispetto, spesso superiori a quelli dei loro fratelli più blasonati. Numeri, percentuali, tabelle – quelle elaborate – che apriamo al commento degli studenti.

Raccontateci le vostre esperienze, positive e negative che siano. Cosa (non) funziona nella vostra università? La laurea che avete conseguito vi è servita a trovare lavoro? Il vostro ateneo vi ha messo in contatto con aziende e/o istituzioni? Avete delle proposte per migliorare il rapporto fra mondo dell'università e mondo del lavoro?

http://racconta.espresso.repubblica.it/proposte-proteste/index.php qui potete inviare i vostri messaggi. Non so quanto possa essere utile ma almeno tanti di noi smetteranno di lamentarsi senza fare altro,  e si assumeranno la responsabilità delle loro critiche, cercando di migliorare il sistema.